Menu di servizio

Articolo

Programma

La Commissione europea ha approvato il 23 giugno 2015, e successivamente modificato il 24 novembre 2015, il Programma Operativo Nazionale (PON) Imprese e Competitività 2014-2020 che interviene con una dotazione complessiva di circa 2,3 miliardi di euro per il rafforzamento delle imprese del Mezzogiorno, quale elemento cardine della politica industriale italiana in una logica di riequilibrio territoriale e di convergenza Mezzogiorno-Centro-Nord.
Il Programma intende accrescere gli investimenti nei settori chiave nelle Regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia) e in quelle in transizione (Abruzzo, Molise, Sardegna), contribuendo all'obiettivo di portare il peso relativo del settore manifatturiero sul PIL europeo dal 15,6% del 2011 al 20% entro il 2020 e sostenere così un duraturo processo di sviluppo dell’intero Sistema imprenditoriale del Paese.
 
A seguito della revisione delle allocazioni finanziarie dei fondi strutturali 2014 – 2020, definita a fine giugno 2016, la Commissione UE ha assegnato all’Italia risorse aggiuntive FESR e FSE determinando la riprogrammazione dei Programmi Operativi interessati.
Con decisione C(2017) 8390 del 7.12.2017 la Commissione Europea ha approvato la riprogrammazione del PON Imprese e Competitività 2014-2020 determinando un significativo incremento della dotazione,pari a 665,1 milioni di euro di risorse del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR),  e l’estensione dell’area territoriale del programma al Centro-Nord.
Con decisione C(2018)9116  del 19.12.2018 la Commissione Europea ha approvato una seconda  riprogrammazione del PON Imprese e Competitività 2014-2020 con la quale  sono stati trasferiti 220 milioni di euro al POND Iniziativa PMI 2014-2020.
Con decisione C(2020) 1093 del 20.02.2020 la Commissione ha approvato una terza riprogrammazione del PON Imprese e Competitività, modificando la distribuzione delle risorse tra i diversi Assi. 
 
La forza innovativa del PON Imprese e Competitività, in linea con le priorità della Strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, risiede dunque nella combinazione di agevolazioni in risposta ai fabbisogni delle imprese e interventi infrastrutturali per migliorarne il posizionamento.
 
Il Programma si propone di favorire la crescita economica e il rafforzamento della presenza delle aziende italiane nel contesto produttivo globale, in particolare le piccole e medie imprese, articolando gli interventi su 4 obiettivi tematici:
  • OT 1 - rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l'innovazione
  • OT 2 – migliorare l’accesso e l’utilizzo del ICT, nonché l'impiego e la qualità delle medesime
  • OT 3 - promuovere la competitività delle piccole e medie imprese
  • OT 4 - sostenere la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori.
 
ALLEGATI: